Australia – Nuova Zelanda, trova le differenze
15 febbraio 2011
Karma e biscotti
18 febbraio 2011
Show all

“Ti fai convincere troppo facilmente..”

Se si potesse farlo di lavoro, di cambiare idea sul cosa farne della propria vita, almeno un paio di volte al giorno, sarei multimilionario a quest’ora. Lo devo ammettere, ci vuole del professionismo a progettare dettagliatamente l’imminente futuro, e nel momento in cui esso si avvicina tirargli un bel calcio e cambiare direzione, e grazie ad anni di esperienza nel rovinare ogni tipo di piano, ad oggi, mi considero un persona quantomeno esperta nell’ambito delle cose fatte a caso. Non che lo faccia apposta, intendiamoci, e` soltanto che in questo disordine trovo sempre quello che cerco, nell’improvvisazione tutto torna al proprio posto.

“Vado ad Auckland” mi ero detto, “la citta` piu` grande, dove sara` piu` facile trovare lavoro”. Ma poi la mia amica tedesca mi chiama e dice “Io sono a Wellington, sono appena arrivata ma non sembra male..”. “Non sembra male..” abbastanza per convincermi a prendere dodici ore di autobus a quanto pare, senza neanche uscire dall’aeroporto di Auckland. Il problema a Wellington e` stato che mi sono fatto convincere di nuovo “Dai ormai che sei qui, vieni con noi fino a Nelson, abbiamo il traghetto domani mattina alle 7”, “Nelson? Dov’e`?” ” Un po` piu` a sud, c’e` bel tempo!”, “Mmh, ok, se c’e` sole..”. E cosi` mi sono trovato a Nelson, sono andato tre giorni in un bosco, e poi mi sono detto “Ok, ora vado a Queenstown, e cerco lavoro..”, restando di questa idea per circa mezz’ora, finche non mi e` stato detto “Dai, vieni con noi in macchina, anche noi passiamo da Queenstown!”. E cosi` sono arrivato a Queenstown, a millemila chilometri da Auckland, ma pioveva, e a me quando piove proprio non mi piace. Cosi` ho deciso di proseguire nella direzione opposta, fino a Christchurch (a CristoChiesa, come si fa a chiamare un posto cosi`?!), “dicono sia carina!” mi hanno detto “magari un lavoro lo trovi li`”, e perche` non credere ai miei fidati compagni, infondo sembra gente che sa quello che fa. E cosi` ora sono a CristoChiesa, senza avere idea ne quanto grande fosse, ne cosa ci fosse, ma effettivamente un lavoro l’ho trovato in tre giorni, come se in tutto questo caos alla fine ogni tassello si rimettesse ogni volta al proprio posto. “Devo cercare un posto in cui sistemarmi, adesso” pensavo, finche` non e` arrivato qualcun altro a dirmi “Ehi, mi hanno chiesto di guidare un camper da qui a Auckland, tutto pagato, vieni?”, “Ma inizio a lavorare qui fra due settimane..” “Si, puoi prendere un aereo e tornare indietro, tanto se no che fai in due settimane..” “Gia`, cosa faccio in due settimane..”. E cosi` adesso potrei prendere un passaggio per tornare al punto di partenza. E poi prendere un aereo per tornare al punto di fine, che in realta` e` un punto di partenza anche questo. Non c’e` che dire, un ottimo piano, ma non so se lo faro`, anche se credo di si, ma forse no.

Ieri volevo comprare i piselli al supermercato, ma mi hanno convinto a comprare le zucchine. Non so come hanno fatto, io volevo i piselli e alla fine ho mangiato le zucchine, com’e` possibile? Vai al supermercato, compri il tuo cibo, te lo cucini, e alla fine ti trovi in bocca quello che non volevi, non che abbia niente contro le zucchine, anzi, forse sono davvero meglio dei piselli, il punto e` che io volevo i piselli e non le zucchine, perche` le zucchine le mangio spesso i piselli no. E invece ho mangiato di nuovo zucchine, anche se non le volevo. “Te ti fai convincere troppo facilmente..” mi ha detto la mia amica che mi aveva appena convinto a comprare le zucchine. Che poi lei non e` che doveva mangiare insieme a me, dovevo mangiare solo, cucinare da solo, scegliere da solo. Alla fine ha scelto lei e` ho mangiato io. Forse ha proprio ragione lei, ho convinzioni molto labili, maledette zucchine.

Penso che smettero` di pensare, perche` ogni volta che penso a cosa fare in realta` sto pensando a cosa non faro`, quindi sarebbe piu` ragionevole non pensarci proprio dato che comunque non accadra`, o almeno cosi` penso. E voi che ne pensate?

5 Comments

  1. Claudiappì ha detto:

    A parte che mi ricordi un po' Arturo Bandini di "Chiedi alla polvere" (John Fante), non so se l'hai letto…
    Io sono una di quei tipi che condiziona le scelte, più che subirle, quindi non so come si sta dalla tua parte, ma la storia delle zucchine e dei piselli mi ha ricordato quello che spesso succede tra me e mio marito quando andiamo a fare la spesa, sto ancora ridendo 😉

    • angelozinna ha detto:

      Non ho letto il libro, ma mi hai appena convinto a farlo. Il probelma delle zucchine e` diverso, in quanto te e tuo marito porbabilmente mangiate insieme, io vengo condizionato da altri anche quando devo mangiare da solo. Dalla mia parte, quindi, non si fa vita facile, rimani dove sei finche` puoi!

  2. Johanna ha detto:

    The zucchine was so much nicer…! Peas out of a can are disgusting! Its not like corn 🙂
    Hope you are proud of me that i understood a whole article written in italian.
    Non sona una pussy!

    • angelozinna ha detto:

      I'm quite impressed! I know zucchine is better, but i wanted fucking peas, the point is that if i want peas, i go to the supermarket to buy peas, i cook myself, then i eat..and it's fucking zucchine!
      Good that you are learning italian, so i dont have to translate. Actually you could translate for me, i could employ you.
      PEAS and LOVE,
      Your best friend forever

      • Johanna ha detto:

        Then you should stop to go to the supermarket with me 🙂
        Thats quite a good idea with the translating, Im running out of money anyways.
        no peas, sorry, (disgusting!)
        but peace and love

Rispondi