Nuova Zelanda in Autostop
13 agosto 2012
Tutti Vogliono Andare a Vivere a Chiang Mai
19 agosto 2012
Show all

L’impossibile Impresa del Comprare una Macchina in Australia

Allora sei arrivato in Australia, hai lavorato, hai guadagnato e ora vuoi partire. Vuoi comprare una macchina e cominciare il grande circuito, guidare per mesi lungo infinite strade diritte, senza incrociare anima viva, farti crescere una barba e investire un paio di canguri. Vuoi raggiungere l’estremo nord, poi riscendere a sud, poi tornare di nuovo su, e poi scendere ancora, vuoi mangiare la strada come se fosse vegemite. Bravo. E quindi cerchi nelle bacheche degli ostelli, su Gumtree, chiedi in giro per trovare questa macchina che sarà la tua casa per i prossimi mesi, che diventerà il tuo guscio, la tua protezione, la tua amica.

Cerchi, cerchi, e inizi a sentire parole come “Rego”, “Roadworthy Certificate”, “Pink Slip”, e una lunga serie di termini che hanno poco significato. Ed a quel punto ci sei dentro, non puoi scappare, sei impigliato in quella giungla che è la burocrazia australiana sul passaggio di proprietà delle auto. Perché sì, esistono paesi dove passi dei soldi a una persona, questa ti passa le chiavi, la transazione finisce e tutti tornano a casa contenti. Esistono questi paesi, ma non da questa parte del mondo.

In Australia esiste una cosa chiamata registrazione, ossia una tassa che copre una serie di servizi, da rinnovare ogni anno. E fin qui tutto bene. Se compri una macchina targata New South Wales però, prima di poter rinnovare questa registrazione è necessario passare un controllo di revisione ed ottenere un certificato che garantisca l’idoneetà del mezzo su strada. Il problema arriva quando si parte per un viaggio e all’avvicinarsi della scadenza della registrazione ci si trova a migliaia di chilometri dal NSW, in quanto la revisione si può effettuare soltanto da meccanici certificati dal governo di questo stato, che non esistono in nessun altro stato. Ci si trova quindi dall’altro capo del continente, la registrazione scade, e nonostante il mezzo sia in perfette condizioni è illegale guidare, ed è impossibile farlo certificare e quindi riportarlo indietro, oppure venderlo in quanto inutilizzabile (se non per pezzi di ricambio). Insomma o lo si smonta e si porta a piedi pezzo per pezzo nello zaino, per poi rimontarlo, farlo certificare in NSW, e riprendere il viaggio, o si rischia il carcere a vita.

E allora diciamo che eviti di comprare il tuo mezzo in NSW, e ne cerchi uno dal Victoria, oppure dal Queensland, dove non è necessario farlo revisionare per rinnovare la registrazione. Arriva il momento di venderlo però, e scopri che è necessario passare lo stesso controllo per poterlo vendere legalmente ad un altra persona. E così ti trovi con una macchina che è passata di mano in mano a venti backpackers, vecchia una quindicina d’anni, che consuma più olio che benzina e ha viaggiato per un paio di miliardi di chilometri, a passare un controllo qualità. Diciamo che lo passi, devi trovare un acquirente. Metti gli annunci, fai vedere il mezzo in giro. Ci vuole tempo, passa un mese, e il certificato non è più valido. Va passato un altro test. Diciamo invece che non passi il test, e devi aggiustare qualcosa per poter essere idoneo. Con i prezzi dei meccanici in Australia è probabile che i soldi provenienti dalla successiva vendita del mezzo saranno abbastanza per la mancia al meccanico, forse neanche quella.

E poi c’è il Northern Territory, dove l’ispezione annuale è richiesta solo su mezzi più vecchi di tre anni, e l’ACT dove è richiesta prima della vendita su mezzi più vecchi di sei anni. Ah, e poi ci sono Western Australia e South Australia che se ne sbattono le palle di tutte queste leggi e non chiedono nessun certificato, anche se avendo circa dodici abitanti a testa, rimane difficile trovare un mezzo proveniente da questi due stati.

Insomma in Australia ognuno fa un po’ come gli pare, c’è chi arriva e pensa che sia un unico stato, e chi si rende conto che più si sale e più si scende e meno ci si capisce qualcosa. Si mettessero un po’ d’accordo questi aussie.

Ok, in realtà non è impossibile comprare il mezzo giusto in Australia, ma per fare la scelta giusta è necessario essere a conoscenza di numerose informazioni. La guida Working Holiday Australia – Vivi, lavora e viaggia nella terra dei canguri copre in modo approfondito tutto ciò che c’è da sapere sull’acquisto, la vendita, e le spese che comporta una macchina o altro tipo di mezzo.

Rispondi