Il Borneo Che Non Ti Aspetti: Impressioni sul Sarawak
12 maggio 2013
Visto Working Holiday Nuova Zelanda
Working Holiday Nuova Zelanda: La Guida
27 maggio 2013
Show all

Dispacci dalla Strada #8: Italia

Rimetto piede sul territorio italiano pochi giorni fa dopo quattro anni di assenza, e all’accoglienza si riaccende in un attimo l’immagine, ormai sbiadita, che avevo impressa di casa mia. Ci sono cose per cui gli italiani sono bravi. I più bravi direi. La prima è essere delle teste di cazzo. Ed è proprio attraverso questa inviadata qualità che ho avuto modo di ricordarmi cosa significasse tornare in patria, se così vogliamo chiamare un pezzo di terra racchiuso tra delle linee immaginarie. Dal Gennaio 2010 ho avuto modo, chiamala fortuna, di attraversare almeno una decina di paesi, ma soltanto di pochi giorni fa è il mio ritorno su suolo italiano. Non certo un viaggio di piacere quello all’Ambasciata d’Italia a Kuala Lumpur, ma più uno di necessità in quanto, senza poterlo anticipare, mi trovo a finire le pagine sul passaporto, e a doverne richiedere uno nuovo per poter proseguire il mio viaggio.

Non è certo una cosa che capita spesso, di trovarsi ad esaurire il passaporto all’estero, ma proveniendo da diversi anni di viaggio e non avendo acquisito altra residenza, sono oggi intento a seguire un itinerario più lungo di quanto il mio documento si possa permettere. E che sarà mai, mi sono detto, ogni sito ufficiale di polizia, questura, ministero degli esteri, e qualsiasi altra istituzione si possa prendere di riferimento parla del rilascio passaporti come di un servizio normalmente offerto dai consolati per chi si trova all’estero, e dato che non è il tempo che mi manca la cosa più semplice sembrava essere aspettare di ottenerne uno nuovo. La procedura sembra semplice anche se lenta, e avendo comunque bisogno di fermarmi per lavorare alla nuova guida che dovrebbe uscire tra poco, e dato che la Malesia concede tre mesi di visto in modo gratuito, Kuala Lumpur sembrava la base ideale per sbrigare questa pratica. Se non fosse che in tutto ciò mi ero dimenticato del dettaglio più importante, che per poter richiedere un passaporto italiano devi aver a che fare con degli italiani. Esseri particolari, con i quali avere aspettative è pericolosissimo.

Io in Ambasciata non ci sono mai stato. O almeno non nella mia. In questi anni ne ho girate diverse, per chiedere visti ed informazioni, e che sia quella neozelandese per ottenere un permesso di lavoro oppure quella indonesiana in Timor Est, sono sempre stato almeno accolto ed ascoltato. Proprio in Timor Est un americano mi raccontava di essere stato nella propria ambasciata così, a salutare.

E con queste premesse mi metto in contatto con l’Ambasciata di KL per capire come muovermi e organizzarmi. La prima risposta è negativa, loro il passaporto non lo fanno. Chiedo maggiori informazioni, cerco di capire se c’è un’alternativa, ma dopo un paio di mail le risposte non arrivano più. Vado direttamente in Ambasciata allora, sperando di trovare aiuto, potendo spiegare la mia situazione a qualcuno. L’accoglienza non è delle migliori. Dopo essere stato lasciato al cancello dalla guardia per qualche decina di minuti, esce una donna dell’ufficio consolare, la stessa che ha smesso di rispondermi alle mail. “Ma sei duro! Non hai capito che non te lo facciamo il passaporto?”, il regolamento interno che non offre questo servizio ai non residenti in Malesia è la scusa che accetto, ma non avendo scelta chiedo se pagando e aspettando ci sia un’altra possibilità. “Non facciamo mica il passaporto a qualsiasi turista di passaggio” è la risposta. Quanti turisti di passaggio italiani che finiscono le pagine del passaporto passando da Kuala Lumpur e non sono di rientro in Italia ci siano io non lo so, ma la fila di zero persone che mi pressava alle spalle era il mio unico indicatore. Ma mi spiego ancora una volta, che forse non è chiaro. “Ho lavorato all’estero per i passati tre e più anni, non sono mai stato residente altrove, non sono stato in vacanza, e non sono tornato in Italia in questo tempo”. Ci sarà un modo, essendo pronto a piegarmi a qualsiasi tempo e costo ci deve essere un sistema perché il consolato, unico ente che questo servizio lo offre, mi venga incontro. Insomma, se il consolato italiano non è lì per aiutare un cittadino italiano, che ci sta a fare?

“È l’ora che ci torni” mi dice girandosi e tornando all’aria condizionata del suo ufficio. E con questa semplicità mi sono ricordato del perché in Italia ancora non ci sono tornato, e del perché forse, non è il caso di tornarci.

9 Comments

  1. Fabio ha detto:

    È quindi alla fine come hai fatto…?

    Sarai mica dovuto tornare in Italia per un documento? Spero.

  2. lauretta ha detto:

    minchia ragazzi la burocrazia…..

    in bocca al lupo!

  3. Mirko ha detto:

    Ciao!

    Strano però perché mio Fratello che attualmente vive a NYC glielo hanno fatto. Lui l'aveva perso, non so con che tempi glielo hanno rifatto….Poesse che ti sei beccato la frustrata di turno 🙂 In bocca al lupo!

  4. Lety ha detto:

    "se il consolato italiano non è lì per aiutare un cittadino italiano, che ci sta a fare?" è la stessa cosa che pensavo io leggendo … sono molto amareggiata per quello che ti è successo e per la situazione generale del paese e degli italiani. Purtroppo da noi se le cose non sono esplicitamente scritte, ovvero se non si obbliga la persona/il lavoratore a dei compiti ben precisi, nel momento in cui sorgono richieste non previste, nessuno se ne prende carico, è un fatto culturale…. e queste persone dell'ambasciata di certo rappresentano bene la mentalità italiana. Io credo invece che dove cessano le regole e i doveri scritti, possono anche iniziare i "doveri" civili, insomma un po' di umanità e comprensione diamine! prendere anche un po' l'iniziativa non fa' male … ma ovviamente non tutti sono di questa opinione, molti preferiscono sostanzialmente sbattersene dei problemi altrui e starsene comodamente a non fare nulla tutto il giorno. Il punto è che non abbiamo ancora capito che qui il potere economico si sta assottigliando a vista d'occhio e se a questo punto non entra il volontariato o comunque un minimo di spirito di aiuto collettivo e di collaborazione beh, qui cari miei siamo spacciati. Onestamente io non lo so più se mai ci sarà una qualche forma di apertura/presa di coscienza/sviluppo della mentalità del popolo italiano … mi dico che bisognerà "solo" aspettare che passino un po' di anni (qualcuno ha detto almeno una ventina e a questo punto non gli posso dar torto), sperando che le generazioni future siano migliori.

    Scusate lo sfogo.

  5. Claudia ha detto:

    O_O E' inquietante! ma siamo ammattiti? io ho sentito decine di backpackers da tutto il mondo andare all'ambasciata per lo stesso motivo e ottenere un passaporto senza problemi! cos'e', la legge italiana mica vietera' ai suoi cittadini di viaggiare a lungo termine?? ca**o, la prossima volta che passo da KL vado all'ambasciata a chiedere un passaporto nuovo anche se non mi serve! anzi, bisognerebbe organizzare un gruppo di Fb per chiedere a tutti gli italiani che in futuro si recheranno a KL di passare dall'ambasciata a fare richiesta di un passaporto nuovo! hahahah! al trecentesimo italiano che passa la capiranno, no?

  6. Sergio L. ha detto:

    sono capitato su questo sito per caso e riporto la mia esperienza con l'ambasciata a Kuala Lumpur avvenuta a Settembre 2014 in quanto mi ha lasciato alquanto basito. Premetto che mi trovavo in Malesia in viaggio con la mia fidanzata di nazionalita' Cinese e visto che ci trovavamo nella zona delle ambasciate ho provato a fare un salto all'ambasciata per vedere se era fattibile fare il visto Italiano per la mia ragazza. Ovviamente la risposta e' stata negativa perche' non siamo residenti in Malesia, ma la cosa che mi ha lasciato basito e' stato l'impatto con l'ambasciata! L'ambasciata non e' altro che una casa, senza nessuna insegna e indicazione (tanto che ho dovuto chiedere alle ambasciate vicine dove fosse esattamente) e dopo aver suonato ripetutamente, dal cancello sbuca un vecchietto in divisa (con le ciabatte!!) che con un sorriso mi conferma che si tratta effettivamente dell'ambasciata! Chiedo se posso andare dentro a parlare con qualcuno ma mi dice che non e' possibile e devo usare invece il telefono fisso che ha in guardiola per chiedere informazioni per il visto… Sottolineo che erano le 10 di mattina di un giorno feriale e non c'era l'ombra di nessuno…. Bella vita quella dei funzionari d'ambasciata!

  7. Davide - NT ha detto:

    Si, una bella rottura. Tutte le mie esperienze con le ambasciate italiane all'estero sono state negative. La peggiore in Turchia, dove dopo problemi di immigrazione (avevano scordato il timbro di ingresso) si è dovuta far carico dei miei problemi l'ambasciata Rumena (della mia ragazza) mentre a quella italiana non fregava nulla.
    Per il passaporto la maggior parte dei paesi permette di aggiungere solamente delle pagine al passaporto esistente, in modo veloce ed economico, in Italia ovviamente no.

Rispondi