Laos: Prime Impressioni
4 settembre 2013
Letto da 2€ al Vulcano Merapi, Indonesia
Viaggio Frugale: la Camera da 5€ (per due persone)
9 settembre 2013
Show all

Fotografia di Viaggio: l’Importanza della Composizione

Riuscire a tirare fuori una bella immagine durante un viaggio non è sempre questione di capacità tecnica o di trovare il soggetto perfetto e mentre i più appassionati si prendono il tempo di aspettare la luce adatta e trovare l’angolazione giusta, per la maggior parte di noi una bella foto in viaggio è questione di saper cogliere l’attimo. Spesso non c’è una seconda possibilità, spesso le condizioni non sono ideali e spesso non si è nella situazione giusta per sventolare una macchina da centinaia di euro. Questo trovo sia la belleza della fotografia di viaggio, il saper raccogliere i momenti giusti senza poterli prevedere, riuscire a mappare un luogo o un’esperienza in modo istintivo e creare un lavoro originale che non sarà mai riproducibile perché creato appunto dall’incrociarsi di un numero troppo grande di fattori casuali.

Il fatto che si tratti di un’arte basata sulla capacità di sapersi muovere in pochi secondi non significa però che non debba avere alle spalle una preparazione e se c’è una cosa che dipende soltanto da noi, è la composizione. La luce naturale non si controlla, ciò che ci circonderà in una nuova destinazione non è dato sapere, ma come inserire il soggetto all’interno del rettangolo che sarà poi la fotografia è fondamentale perché questa possa diventare qualcosa di più che una foto ricordo.

Le regole della composizione sono poche, semplici e includono in buona misura anche il gusto personale, ma non è su questo che mi voglio soffermare. Conosciamo la regola dei terzi, che sposta il soggetto dal centro alla parte laterale dell’immagine per rendere la foto più interessante, oppure l’importanza di seguire le linee di forza per dare profondità, ma ciò che veramente conta se si vuole ottenere sempre un buono scatto è imparare ad utilizzare tutte queste tecniche contemporaneamente e nell’immediato. Come si fa?

Un buon esercizio per crearsi una struttura da utilizzare ogni volta che ci troviamo a fotografare un soggetto o una situazione ricorrente, è scegliere i venti o trenta scatti migliori dal proprio archivio e poi chiedersi perché effettivamente questi siano migliori. Lasciando da parte il soggetto che senza dubbio da valore alla foto, andiamo a vedere cosa accomuna queste immagini in termini di costruzione e cerchiamo di evidenziare tutte quelle similitudini che troviamo piacevoli. Ad esempio, dove sono posizionati i soggetti? Sono i volti tagliati, ritratti da molto vicino, oppure c’è molta aria? Ci sono oggetti in secondo piano che creano fastidio, oppure sono sfocati creando atmosfera? Ci sono pochi elementi ben distinti oppure situazioni caotiche? Preferiamo le persone cattuate in modo classico, verticalmente, oppure in modo più creativo orizzontalmente?

Queste sono soltanto alcune delle domande da porsi per creare una mappa mentale di quella che è la nostra foto ideale. È ovvio che vi sono sempre eccezioni, ma avere chiaro cosa costituisce una buona foto ai nostri occhi è il più grande aiuto per creare un’immagine ben costruita anche quando non si ha il tempo di pensare. Personalmente ho sviluppato degli schemi che mi permettono di scattare le prime foto ad ogni soggetto senza doverci pensare, sapendo già prima di alzare la macchina quale effetto voglio dare. Pongo sempre il soggetto distante dal centro, ad esempio, e quando possibile tendo a preferire i ritratti molto ravvicinati, tagliando parti della testa. Fotografando persone adulte raramente le catturo per intero, quasi sempre dal busto in su, e quando sono rivolte a destra o sinistra, cerco di lasciare aria in quella direzione. Fotografando cibo invece tendo a farlo dall’alto in linea retta, mentre per bottiglie o bevande cerco di dare profondità con un’apeertura molto bassa. Fotografando edifici, architettura o monumenti cerco di concentrarmi sui dettagli non avendo obiettivi adatti, come finestre, porte o semplicemente mattoni, anche perché spesso è difficile ottenere la giusta esposizione con la luce del cielo che arriva da dietro. In generale ho una preferenza per le foto pulite, mi piace l’idea di tirare fuori immagini quasi pubblicitarie all’interno di una situazione più caotica o non preparata.

Questi sono solo alcuni esempi di quello che è oggi un meccanismo automatico che mi da la sicurezza di ottenere scatti decenti in qualsiasi occasione. Quando poi il tempo avanza, dal secondo scatto in poi, si può sperimentare o continuare la ricerca di questi punti fermi, ma avere uno schema collaudato è il sistema migliore per comporre una foto che siamo sicuri ci piacerà in una questione di attimi.

2 Comments

  1. Astrid ha detto:

    Ciao, complimenti per il tuo blog, che trovo molto interessante. Volevo chiederti, a proposito di questo post, come ti "regoli" generalmente per la pubblicazione su internet di foto di persone che hai realizzato nei tuoi viaggi. Sono persone da cui hai avuto l'autorizzazione? Sai in generale come funziona per la questione dei "diritti" e della privacy? Tu generalmente come ti muovi? Grazie!

    • Angelo Zinna ha detto:

      Ciao Astrid,
      è una bella domanda e non è facile rispondere. Allora, io non ho nessuna autorizzazione scritta di nessuna delle persone ritratte. Alcuni hanno dato il permesso a farsi fotografare mentre altri neanche quello. In teoria ci vorrebbe sempre un'autorizzazione scritta per poter pubblicare foto di persone riconoscibili, infatti grandi concorsi fotografici come ad esempio National Geographic non accettano foto senza di essa. Di fatto è difficile da ottenere, in particolare quando non si parla la lingua ed è rarissimo che i fotografi di viaggio, anche famosi, abbiamo un documento del genere. La situazione semplicemente non lo consente. La legge diventa più morale che pratica in particolare quando si fotografano soggetti da paesi in via di sviluppo, in quanto è quasi impossibile che queste persone arrivino a trovare la pubblicazione ed effettuare una denuncia, e questo è risaputo. Oggi con internet poi è diverso dal passato, tutto è pubblico e anche con i social media questo tipo di autorizzazioni perdono di valore, foto di persone vengono pubblicate di continuo. Sta quindi al fotografo comportarsi bene o male, dato che è raro che si presentino conseguenze. Cosa significa comportarsi bene o male? La differenza sta nell'uso della foto. Personalmente credo che se si scatti una foto con lo scopo di guadagnarci sopra, cioè per fini commerciali, allora è opportuna l'autorizzazione, mentre se si tratta di un progetto personale si può chiudere un'occhio. Questa è comunque la mia opinione personale. Se vuoi essere corretta allora cerca di ottenere sempre l'autorizzazione, anche se questo andrà a discapito della tua fotografia, in quanto perderai molti scatti naturali, non potrai scattare in movimento, e dovrai sempre dare una spiegazione anche a chi non ti capisce.

Rispondi