Libri Beat
19 settembre 2017
Viaggio Via Terra: da Amsterdam all'Armenia
Via Terra: da Amsterdam all’Armenia
11 ottobre 2017
Show all

Visto Working Holiday per la Nuova Zelanda: Cosa Permette e Come Ottenerlo

Il visto Working Holiday è il permesso offerto dal governo neozelandese ai cittadini italiani, che permette di soggiornare in Nuova Zelanda, lavorando e viaggiando, per dodici mesi. Questo tipo di visto, differente sia da quello turistico che da quello di lavoro, è stato pensato per favorire lo scambio culturale tra giovani di diverse parti del mondo, e per dare modo a questi di visitare un paese altrimenti difficilmente raggiungibile, senza dover gravare sulle tasche di nessuno. Il funzionamento di questo visto è molto semplice: ottenendo il Working Holiday avrai dodici mesi di tempo per entrare in Nuova Zelanda; il visto sarà attivo dal giorno dell’ingresso per i successivi dodici mesi, all’interno dei quali potrai uscire e rientrare in Nuova Zelanda liberamente.

Dal momento dell’arrivo potrai cercare impiego in qualsiasi settore, ma non è concesso lavorare più di tre mesi per lo stesso datore di lavoro. Questa regola è stata introdotta perché chi arriva con un visto Working Holiday dovrebbe lavorare per periodi limitati in modo da finanziare i propri viaggi, e non per tentare di stabilirsi in modo permanente. È comunque permesso lavorare per l’intera durata dell’anno, cambiando datore di lavoro ogni tre mesi. Inoltre, il visto concede anche di studiare in Nuova Zelanda per un periodo non superiore ai sei mesi.

È possibile ottenere il visto facendo richiesta sul sito dell’ufficio immigrazione neozelandese, ma prima di cominciare la procedura è bene assicurarsi di essere in possesso di tutti i requisiti necessari. Il visto Working Holiday infatti, può essere richiesto solo da chi:

  • Ha compiuto 18 anni, ma non ne ha ancora compiuti 31;
  • È in possesso di un passaporto valido per almeno 15 mesi dalla data di ingresso in Nuova Zelanda;
  • Non ha figli a carico;
  • È in salute;
  • È incensurato;
  • È in possesso di un biglietto di ritorno o abbastanza fondi per acquistarlo;
  • È in possesso di 4.200 NZ$ al momento dell’arrivo, per potersi mantenere una volta in Nuova Zelanda;
  • È in possesso di un’assicurazione medica;
  • Arriva in Nuova Zelanda avendo come scopo primario la vacanza, utilizzando il lavoro temporaneo solo per finanziare il proprio viaggio;
  • Non ha già ottenuto un visto Working Holiday in precedenza.

Nonostante questa lista provenga direttamente dal sito del governo, è probabile che provochi qualche dubbio: mentre età, la validità del passaporto, i figli a carico e la possibilità di ottenere il visto una volta soltanto sono dati inconfutabili, vi sono altre condizioni definibili con meno precisione ed è per questo necessario fare chiarezza da subito, per poter procedere con la domanda nel modo corretto.

Il Biglietto di Ritorno

Il biglietto di ritorno non è obbligatorio. Questo potrebbe non essere chiaro al momento della compilazione dei moduli per la richiesta del visto, ma sarà stampato nero su bianco nella lettera di conferma dell’ottenimento. Non comprando il biglietto di ritorno in anticipo, però, può venire richiesto di dimostrare di essere in possesso di fondi sufficienti a coprirne l’acquisto,  da aggiungere ai 4.200 NZ$ per sopravvivere in Nuova Zelanda. I controlli finanziari alla dogana non avvengono spesso in realtà, ma è possibile che sia richiesto di mostrare copia dell’estratto conto.

Stato di Salute

Uno dei requisiti per l’ottenimento del visto Working Holiday è che il richiedente sia in buona salute. Se in passato hai avuto problemi di salute gravi, questi devono essere dichiarati. In assenza di condizioni particolari non è richiesta nessuna prova aggiuntiva, ma dichiarando di aver avuto problemi potrebbero essere richiesti certificati medici che dimostrino il proprio stato di salute. In particolare, se hai soggiornato per oltre tre mesi nel corso degli ultimi cinque anni in un paese a rischio tubercolosi, sei obbligato a sottoporti ad una radiografia in un centro affiliato ed inviare i risultati all’ufficio immigrazione.

Precedenti Penali e Civili

Durante la compilazione dei moduli per la richiesta del visto, ti verranno poste alcune domande su eventuali precedenti penali e civili. Se hai commesso un crimine in passato, questo deve essere dichiarato e a seconda dell’entità del crimine potrebbe essere richiesta una copia del casellario giudiziale. L’ingresso in Nuova Zelanda è vietato a chi:

  • Nel corso della propria vita, ha commesso un crimine per cui è stato condannato a cinque o più anni di carcere;
  • È stato condannato a 12 o più mesi di carcere negli ultimi 10 anni;
  • È mai stato rimosso, escluso o deportato da una nazione;
  • È sospettato di poter commettere un crimine in Nuova Zelanda;
  • È sospettato di essere un rischio per la sicurezza;
  • È sospettato di poter causare disordine pubblico;

Nel caso in cui siano stati commessi crimini minori, può essere fatta una richiesta speciale in cui si allega una lettera e le prove necessarie a dimostrare la propria integrità. Le autorità decideranno in base a questi documenti se rilasciare il visto o meno. Questo riguarda in particolare i casi in cui si siano commessi crimini legati all’immigrazione (in qualsiasi paese del mondo) oppure riguardanti l’utilizzo di informazioni false al fine di ottenere un visto.

Piani di Viaggio

Il motivo per cui si viaggia in Nuova Zelanda può influenzare l’esito della richiesta. Chi parte con un visto Working Holiday, infatti, dovrebbe farlo avendo come scopo principale la vacanza, e non il tentativo di stabilirsi in modo permanente. È quasi scontato dire che dimostrare le proprie intenzioni è impossibile, ma è importante ricordare che, nel caso fosse posta una domanda relativa alle proprie intenzioni al momento dell’arrivo, bisognerebbe rispondere tenendo conto di ciò che si presume questo visto implichi. Se, poi, in Nuova Zelanda deciderai di fermarti a vivere in modo fisso in una città, non c’è niente che può effettivamente impedirlo.

Richiedere il Visto Working Holiday

Il visto è richiedibile via internet, facendo domanda sul sito dell’immigrazione. La procedura richiede poche decine di minuti avendo tutti i dati a portata di mano. Il sito dell’immigrazione è semplice da navigare e contiene tutte le informazioni riguardanti i diversi tipi di visto. Il primo passo per richiedere il Working Holiday è collegarsi alla pagina riguardante il Working Holiday per l’Italia (ogni paese ha accordi diversi), a questo link. Una banda blu in questa pagina dovrebbe indicare che le applicazioni sono aperte con la dicitura”Open – You can apply online now“. La Nuova Zelanda, al momento della scrittura, non offre visti a numero chiuso per i cittadini italiani, di conseguenza fare domanda dovrebbe essere possibile durante tutto il corso dell’anno.

Scorrendo verso il basso, dopo aver cliccato su “Apply Now“, verrà indicato che è necessario creare un account sul sito dell’ufficio immigrazione per poter fare domanda. È possibile creare un profilo a questo indirizzo. Sono richiesti solo nome, indirizzo e-mail e la creazione della password, ma è importante ricordare che il nome deve essere lo stesso riportato sul passaporto. Una volta iscritto, avrai accesso agli Online Services, da cui potrai fare domanda vedere in tempo reale lo stato del tuo visto.

La pagina Online Services ti porterà ai moduli per l’applicazione. All’interno dei moduli dovrai inserire i tuoi dati personali (come riportati sul passaporto) e rispondere alle domande riguardanti i tuoi piani di viaggio, la tua condizione di salute, la tua fedina penale e la tua situazione economica. Verrà chiesto di indicare la data di arrivo in Nuova Zelanda: questa è indicativa e non è importante che venga rispettata. Non è necessario allegare alcun documento, a meno che questo non sia richiesto. Nel caso di situazioni anomale, saranno richiesti esplicitamente documenti aggiuntivi (come referti medici o casellario giudiziale). Se è l’ufficio immigrazione necessita di documenti aggiuntivi per poter prendere in considerazione la tua richiesta, sarai contattato entro una settimana dall’invio dell’applicazione. In alternativa, i moduli online sono tutto ciò che serve.

L’ultima fase dell’applicazione riguarda il pagamento. Richiedere il visto Working Holiday costa 208 NZ$, circa 130 €, da pagare in anticipo online, con carta di credito Visa o Mastercard. Nota che dovrai pagare indipendentemente dalla risposta che riceverai. Nel caso la richiesta per il visto venisse rifiutata (seppur questo è raro), non è possibile recuperare i soldi spesi. L’ufficio immigrazione indica 20 giorni come tempo di risposta, anche se nella maggior parte dei casi si tratta di tempi più brevi.

Se il visto viene approvato riceverai un’e-mail contenente il visto elettronico e troverai una copia di esso salvata anche all’interno del tuo account sul sito dell’ufficio immigrazione. Per sicurezza è consigliato stampare una copia del visto da mostrare alla compagnia aerea al momento della partenza, in particolare se non sei provvisto di biglietto di ritorno, ma una volta in Nuova Zelanda questo non è necessario, tutti i tuoi dati saranno contenuti nei database governativi. Dal momento dell’approvazione hai dodici mesi per entrare in Nuova Zelanda ed il visto sarà attivo dal giorno del tuo arrivo per i successivi dodici mesi.

34 Comments

  1. Paolo Ferrari ha detto:

    ciao mi chiamo Paolo a gennaio arrivo in Nuova Zelanda con un visto vacanza lavoro mi puoi dare qualche dritta su dove trovare lavori nella raccolta frutta nell'isola sud.Atterro a Christchurch e poi vorrei dirigermi nell'Otago ,ho provato a contattare ostelli o siti specifici ma per adesso nulla di concreto.Se puoi indirizzarmi verso qualcosa in particolare grazie in anticipo.Sei un grande figliolo…

    • Angelo Zinna ha detto:

      Ciao Paolo,
      la vendemmia sia in Otago, che nel Canterbury, inizia almeno un mese più tardi, se non di più (dipende dalla stagione). Buona parte dell'uva oggi è raccolta da macchine, ma c'è sempre un po' di lavoro in alcune winery. La regione di Nelson e Golden Bay sono piantate molte mele, ma potrebbe essere ancora presto per la raccolta. Dai un occhiata a questo sito comunque http://www.seasonalwork.co.nz/online/welcome.csn

  2. Irene ha detto:

    Ciao! Sono Irene e sono in NZ da circa 40 giorni, sto cercando un lavoro e la restrizione dei 3 mesi mi sta alquanto limitando. Ho provato a cercare in internet quali sono le conseguenze della violazione di questa regola, ma non ho trovato nulla… Sembra un divieto senza pena! Tu scrivi che "l'infrazione non porta a reali conseguenze", cosa intendi? Le mie preoccupazioni sono due:

    1. Come fanno a scoprirlo?

    2. Cosa succede realmente se lo dovessero scoprire?

    Ti chiedo quindi se hai qualche link in cui viene affrontato tecnicamente il problema o se tu conosci la questione in dettaglio.

    Grazie mille.

    Irene

    • Angelo Zinna ha detto:

      Io e molte altre persone che conosco hanno lavorato oltre i tre mesi e non è successo nulla. Se trovi un datore di lavoro che non da importanza a questo regolamento non dovrebbe essere un problema. Non ho link da darti, ti parlo per esperienza. Scoprirlo non è difficile, basta andare a vedere il tuo conto IRD e si vede che è sempre la stessa azienda a pagarti, ma non conosco nessuno a cui questo sia stato fatto pesare in alcun modo.

  3. Francesco ha detto:

    Ciao,

    io vorrei venire in NZ, è facile trovare lavoro? non ho grosse pretese, cameriere, barista ecc verrei con un visto work & holiday e soprattutto per poter fare snowboard.

    Ciaoo!!

  4. ines ha detto:

    un ragazzo che vive in nz continua a lasciare dei commenti sul mio blog circa i documenti che bisogna poter esibire all'aeroporto una volta arrivati, in caso di controllo.

    cito:

    "scusa se ti disturbo sempre ma visto che sei stata corretta a mettere le precisazioni che ti ho detto sul WHV,ti aggiungo queste:

    copia del casellario giudiziario.

    dimostrazione di possedere 4200 euro nel conto bancario (estratto conto?)

    biglietto di ritorno.

    radiografia al torace.

    se hai dei reati non ti permettono di accedere al paese.

    se non possiedi una certa somma non ti permettono di accedere al paese.

    vogliono obbligatoriamente un biglietto di ritorno per essere sicuri che scaduto il visto,tu lasci il paese.

    in europa meridionale c'è il rischio di tubercolosi quindi vogliono essere sicuri che chi entra non sia infetto.

    se tu mandi un mail all'ambasciata loro ti scrivono che possono non richiedertelo ma in caso che ti chiedono dei documenti tu sei obbligato a esibirli,loro ti possono chiedere tutti quei documenti al momento della richiesta del visto,come al momento dell'entrata in frontiera,ad esempio immagino che a te non hanno chiesto casellario,raggi,copia dell'estratto conto,biglietto,vero?perchè alla richiesta del visto mai li chiedono!"

    sul biglietto di ritorno sono sicura al 100% che non e' necessario perche' c'e' scritto sul visto che ho ricevuto!

    ma radiografia e casellario? li devo fare? me li devo portare?

    io avevo capito che potevano chiederteli mentre fai domanda per il visto, non che si devono fare in ogni caso e portarseli con se. probabilmente lo faro' per evitare inconvenenti, ma tu cosa mi dici a riguardo??

    e i 4200 euro me li devo portare dietro in contanti o basta un estratto conto??

    • Angelo Zinna ha detto:

      Ci sono occasioni particolari in cui è necessario mostrare dei documenti in più, ma in casi normali questi non servono. Il biglietto di ritorno non è obbligatorio. I fondi, che sono 4.200 dollari neozelandesi e non euro non vengono controllati quasi mai, ma esiste la possibilità che chiedano copia dell’estratto conto, quindi se ce l’hai portatelo (io non avevo questi soldi e sono entrato senza problemi). Esami medici sono richiesti se hai passato più di 3 mesi in un paese a rischio tubercolosi. Uguale il casellario, se sei pulita non serve a meno che non ti venga chiesto specificatamente.

  5. federico ha detto:

    scusate non ho ben capito una cosa vorreste dire che aderendo on line si sà subito l'esito della richiesta , almeno leggendo questo passaggio ho capito così :"Esistono alcuni vantaggi nel applicare per il visto on-line invece che in via cartacea. Il primo è che se non si riesce a completare la richiesta in un primo momento è possibile salvarla e procedere più avanti. Con l’applicazione on-line inoltre vi sarà notificato immediatamente, prima ancora dell’invio, se non siete eleggibili, e non perderete di conseguenza la tassa, che non è rimborsabile nel caso in cui la richiesta venga rifiutata" oppure mi sbaglio?

    • Angelo Zinna ha detto:

      Non ho detto che si sa subito l'esito della richiesta, ho solo detto che si sa se è possibile farla la richiesta, in quanto il visto non possono chiederlo tutti, ma solo chi rispetta determinati requisiti. L'applicazione on-line ti impedisce di proseguire se non rispetti questi requisiti, e di conseguenza ti impedisce di buttare via i soldi.

  6. Simone ha detto:

    Buon giorno a tutti,

    Mi chiamo Simone e mi trovo attualmente ad Auckland con un Working Holiday Visa; sto lavorando temporaneamente in un ristorante, ma contemporaneamente mi sto guardando attorno per poter lavorare in una compagnia e fare un esperienza di lavoro nel mio settore ( In Italia ero un consulente di software E.R. P. ). Ho il seguente dubbio: con il WHI Visa ci sono limitazioni relative alla tipologia di lavoro che uno svolge ( Ex. posso fare il cameriere ma non l'impiegato in un'azienda )?? Ci sono restrizioni rispetto al numero di ore lavorative settimanali che uno può svolgere ( Ex. max 20 ore, ecc … ) ??

    Ringrazio in anticipo

    Simone

  7. Eli ha detto:

    Ciao!!

    Ho fatto la WHV e dovrei partire tra un mesetto! Mi mancano ancora l'assicurazione (che sto cercando on line) e l'estratto conto bancario… il mio dubbio è, l'estratto conto o il documento bancario deve essere obbligatoriamente in inglese? In caso lo rilascia già la banca in lingua originale o devo farlo tradurre successivamente? So che nella maggior parte dei casi non lo richiedono, ma meglio partire preparati! Altra domanda… il lavoro posso cercarlo dall'Italia e arrivare in NZ già con dei contatti? Qualche dritta per l'assicurazione? Grazie mille in anticipo!!!

    • Angelo Zinna ha detto:

      Ciao Eli,
      non mi preoccuperei troppo di tradurre il documento bancario, in italiano dovrebbe andare bene dato che sono soltanto numeri e si capisce quanti soldi hai sul conto. E comunque nessuno a cui l'abbiano chiesto. Puoi cominciare a dare un'occhiata per il lavoro dall'italia su internet, ma dipende da che lavoro cerchi. Per un lavoro normale quasi nessuno ti assumerà senza prima avere un colloquio, quindi un mese in anticipo è troppo presto. Magari cerca gli annunci una settimana prima e inizia a contattarli cercando di prendere appuntamento per quando arrivi. Per l'assicurazione ce ne sono diverse, io ho scelto World Nomads perché mi trovavo già all'estero ed è facile da comprare via internet e poi aggiornare via via se scegli di fermarti più a lungo. In questa guida trovi oltra 20 indirizzi e siti per cercare lavoro, più una serie di contatti e organizzazioni utili sia per il lavoro che l'alloggio gratuito: http://exploremore.it/visto-working-holiday-nuova

  8. Marco Codino ha detto:

    Ciao Angelo, come stai? Innanzitutto complimenti per tutto quello che ci spieghi, molto chiaro e preciso. Volevo chiederti, per quanto riguarda l'etá per chiedere il visto. Avendo 30 anni sono ancora in grado di chiederlo? Basta soltanto con non avere 31 anni? Grazie mille, ci sentiamo!!!

  9. tez ha detto:

    qualcuno ha idea di quanto costino gli esami al torace? devo fari e in più dove dicono loro, prevedo inculazio.. D:

  10. Riccardo ha detto:

    buongiorno,

    avrei una domanda: siccome una volta richiesta la mia working holiday visa non la potrò più utilizzare in futuro, ma io andrò in nz solo per un lavoro stagionale…potrei "spezzettare" il visto richiedendo solo 4 mesi di working holiday anzichè 12 così da poter utilizzare in futuro i rimanenti 8 mesi?<

    Grazie per l'aiuto! 😉

  11. giuseppe ha detto:

    salve angelo mi chiamo giuseppe, ho 27 anni e sto pensando di trasferirmi in nuova zelanda questa estate. ho intenzione di partire con un visto working holiday visa. volevo sapere se la radiografia al torace e il certificato del casellario giudiziale sono obbligatori per chi vuole entrare in nuova zelanda e se devono essere tradotti in inglese da organismi appositi. grazie.

  12. Marco ha detto:

    Ciao Angelo, oggi ho finalmente fatto domanda per il visto working holiday! 🙂

    Avrei due domande da farti al riguardo su due cose che non mi sono chiare:

    1) Perché esaminino la mia domanda devo pagare subito il visto oppure posso pagarlo tranquillamente una volta che me l'hanno approvato? Perché se poi non me lo approvano (non credo sia il caso) perderei la tassa pagata.

    2) Sull'ultima schermata mi veniva chiesta la data di partenza. Io parto a gennaio 2015 ma ho messo sulla domanda novembre 2014 per motivi di validità del passaporto (mi scade a febbraio 2016, non avrei dunque avuto i 15 mesi), secondo te se poi arrivo la a gennaio mi fanno storie che nella domanda gli avevo messo novembre?

    Ti ringrazio in anticipo per le tue delucidazioni…non vedo l'ora! 😉

    • Angelo Zinna ha detto:

      1) Devi pagare subito. Se il visto è rifiutato perdi i soldi.
      2) La data di partenza è indicativa, puoi entrare quando vuoi entro 12 mesi dall'ottenimento del visto. Se non hai i mesi richiesti sul passaporto ti faranno storie, a meno che tu non abbia già un biglietto di ritorno per una data prima della scadenza. Io farei il passaporto nuovo prima di partire.

  13. Nicola ha detto:

    Ciao Angelo, innanzitutto grazie per le chiarissime spiegazioni. Non vedo l'ora di partire per la nuova zelanda e soprattutto di lasciare l'Italia. C' è una cosa che non mi è chiara: ma l'assicurazione sanitaria è obbligatoria si o no? Mi sembra di aver capito di no ma chiedo conferma. Se si dove la posso fare? Ricapitolando non devo fare nient' altro che andare sul sito, registrarmi, e una volta ottenuta la mail del visto posso tranquillamente partire. L'unico documento che mi potrebbero chiedere è l'estrattoconto bancario in cui dimostro di avre fondi a sufficienza per comperare il biglietto di ritorno giusto?

    Hai detto che il visto è elettronico e che non bisogna stampare niente. Ma allora chi è che potrebbe farmi storie per dimostrare di avere soldi a sufficienza per tornare? Ci sono consigli particolari che vuoi dare a chi come me sta per partire? Il periodo è buono? Il clima com'è? Grazie mille di tutto se vuoi puoi rispondermi anche via mail nicola.molino1985@libero.it

    • Angelo Zinna ha detto:

      Ciao Nicola, tutti i dettagli che mi chiedi sono contenuti nella mia guida: http://exploremore.it/guide/visto-working-holiday… . Non devi stampare il visto perché lo hanno loro nel sistema, ma ti consiglio comunque di farlo perché avere il foglio è più comodo e te lo chiederanno. L'estratto conto lo chiedono di rado, ma se lo hai stampa anche quello che fa comodo. Di assicurazioni ce ne sono diverse, io ho usato World Nomads che puoi fare su internet, anche di questo comunque parlo della guida.

  14. denny ha detto:

    ciao

    grande sito web e molto utile

    domanda forse banale..non c e` modo per rinnovar eil visto whv new zeland per un altro anno..come esiste per l;australia? devo ancora farmi un anno e mezzo in oz..ma iniziavo a prendere info riguardo la nuova zelanda..

    grazie mille

  15. Brian ha detto:

    Salve volevo chiedere se guida in stato di ebbrezza si considera reato che impedisce ricevere il visto. Voi avete esperienza nel campo?

  16. Isixin ha detto:

    Ciao! Volevo chiedere i $4.200 per potersi mantenere in Nuova Zelanda possono essere su una MasterCard o Prepaid card?

  17. Carmine ferrentino ha detto:

    Ho 37 anni vorrei poter partire..verso la nuova zelanda

    ..e un problema! . Spero Di no perche în Italia e veramente finita…grazie mille

  18. Erika ha detto:

    Salve, ho una domanda da fare. Sto compilando il modulo per il visto (Working Holiday), volevo chiedere se fosse possibile pagare con postepay? Nel caso in cui pagassi con una carta di credito non mia ma dei miei, possono esserci problemi? Pagherei con una carta dei miei perchè con la mia non posso fare pagamenti online.
    Grazie in anticipo, buona vita!!

  19. Jacopo ha detto:

    Ciao angelo, volevo chiederti io ho 32 anni, che visto mi consigli per lavorare la in NZ di fare, oppure dici che se metti trovassi lavoro dopo i 3mesi nn ci sono casini, nn ce qual l’altro da poter fare… Grazie vorrei partire a marzo con un amico ma lui ha 28 anni per qui il visto lo può fare lui…..

    • Angelo Zinna ha detto:

      Ciao Jacopo, puoi provare a cercare lavoro a nero in Nuova Zelanda, ma non è facile ed è illegale. Se hai delle qualifiche puoi cercare qualcuno che ti sponsorizzi e poi, se lo trovi, convertire il visto turistico in un visto lavorativo quando sei lì.

Rispondi