Travel Talks #3: “La Strada per la Felicità” con Francesco Wil Grandis
10 novembre 2013
In Birmania Senza Lonely Planet
16 novembre 2013
Show all

Movember – Il Mese Internazionale dei Baffi

Ogni anno c’è un mese in cui gli uomini diventano più uomini. Trenta giorni di fatica per dimostrare a sé stessi ed agli altri la propria virilità. Per capire chi vale qualcosa e chi no. Questo mese un tempo si chiamava Novembre. Oggi si chiama Movember.

Movember, dall’ incrocio di Moustache, baffo, e November, nasce nel 1999 da un gruppo di australiani di Adelaide che cercavano un modo di attirare l’attenzione verso alcuni problemi di salute diffusi tra gli uomini, in particolare il cancro alla prostata e la depressione. Nel tentativo di mandare un messaggio positivo in modo originale decisero che da quell’anno in poi avrebbero utilizzato il mese di Novembre per farsi crescere un baffo in segno di solidarietà. L’idea era semplice tanto quanto efficace: farsi crescere un baffo, attirare la curiosità di amici e conoscenti, farsi porre delle domande a proprosito e utilizzare questa scusa per cominciare una conversazione e scambiare informazioni riguardo i suddetti problemi, finendo automaticamente per diffondere anche l’iniziativa attraverso il biglietto da visita stampato sul labbro superiore.

Le regole erano semplici: la sera del 31 Ottobre, prima dell’inizio di Movember, tutta l’area baffale, e il resto della faccia, viene depilata. Dal giorno successivo si hanno a disposizione 30 giorni per produrre la maggior quantità di peluria subnasale di qualsiasi forma e consistenza. Strettamente vietata è la coltivazione di alcun pelo sotto il labbro inferiore, così come il collegamento tra baffo e basette.

Ecco, ora uno potrà pensare “ma che cazzata”. Se non fosse che nel giro di pochi anni questa cazzata ha fatto il giro del mondo ed ora Movember è la causa principale della crescita di una ben definita peluria sulla faccia di centinaia di migliaia di persone in Australia, Nuova Zelanda, Inghilterra, e resto del mondo. Novembre diventa così, dal 1999, un mese di cenni di rispetto, strette di mano, sguardi di approvazione. “Good mo'” viene scambiato sottovoce in bar e stazioni, mance vengono lasciate ai baristi più meritevoli e l’ammirazione per i più fertili è espressa in modo reverenziale. Ma non solo.

Nel 2004 nasce la Movember Foundation, il movimento ufficiale a sostegno dell’iniziativa, che punta a trasformare migliaia di baffi in sostegno concreto verso i malati di depressione e cancro alla prostata. Da una decina d’anni quindi vengono organizzati eventi e raccolte donazione tramite il sito, che vengono poi devolute ad associazioni come la Prostate Cancer Foundation of Australia, la Cancer Society e Mental Health Foundation New Zealand e alla Beyond Blue, un’organizzazione no-profit che tratta problemi di depressione e disordini mentali. Ognuno dei Mo’ Bros, dei partecipanti, può inoltre aprire la propria pagina personale dove aggiornare l’andamento della crescita del proprio baffo e raccogliere personalmente donazioni da trasferire alle organizzazioni scelte a fine mese.

Movember è oggi il mese internazionale per la celebrazione del baffo. Sii un uomo. Cresci un baffo.

3 Comments

  1. Wandering Wil ha detto:

    Ma dai? non la conoscevo questa! Non c'è niente del genere in italia? ho sempre cercato una scusa per farmi crescere i baffoni da sceriffo, e questa mi sembra ottima 😀

  2. Claudia ha detto:

    🙂 Ero a conoscenza del movimento, sapevo gia' tutto quello che c'era da sapere, sono sempre stata molto solidale, ma mai, mai ho provato questo Massimo Rispetto che mi ha trasmesso il tuo articolo! Lunga vita ai Movemberiani!

Rispondi