Viaggio Via Terra: da Amsterdam all'Armenia
Via Terra: da Amsterdam all’Armenia
11 ottobre 2017
Sciismo e Petrolio: Breve Storia del Potere in Iran
26 ottobre 2017
Show all

Trovare una Camera in Affitto ad Amsterdam: una Guida

Stanze in affitto a Amsterdam

Trasferirsi in una nuova città comporta sempre alcune difficoltà nella fase iniziale per coloro che arrivano senza alcun contatto alla mano. Ad Amsterdam questo è più vero che altrove, in particolare per quanto riguarda trovare una camera in affitto, permanente o temporanea, che permetta di stabilirsi e cominciare una nuova vita in Olanda. Trovare la stanza giusta è importante perché un indirizzo è necessario per ottenere i documenti per lavorare legalmente, ma al contempo nella capitale è in corso una crisi immobiliare per cui la domanda di case è molto più alta dell’offerta.

Il primo passo è, appunto, arrivare in Olanda. Cercare casa dall’Italia, a meno che non si conosca già un residente di Amsterdam, è sconsigliato, dato che le fregature sul mercato sono tante e le sorprese spiacevoli ancora di più. Ispezionare la stanza, conoscere i coinquilini, capire come funziona la divisione delle bollette ed orientarsi in città sono tutte pratiche per cui è importante trovarsi già in loco. Inoltre, vista la quantità di persone in cerca di una stanza anche chi affitta è più propenso a cedere la camera ad una persona con cui ha già discusso di persona.

Essendo trovare casa dall’Italia difficile, l’idea migliore è trovare un alloggio temporaneo per i primi giorni in cui passare il tempo a spulciare gli annunci e visitare le camere. Le opzioni più a basso costo (che comunque non rimane bassissimo) sono gli ostelli e i servizi di affitto a breve termine come AirBnb. Un letto in camerata in ostello costa dai 20 ai 35 €, con prezzi che tendono a salire durante il fine settimana. Per una coppia, di conseguenza, può convenire trovare una stanza in un hotel economico. Una volta trovata una base provvisoria è tempo di mettersi alla ricerca di una sistemazione fissa.

Quindi, Dove Cercare?

La ricerca di una camera da affittare oggi avviene soprattutto online. Vista la velocità a cui il mercato si muove, esistono molti siti a pagamento che prometto di aiutare a trovare una stanza in poco tempo. La loro affidabilità, però, è dubbia, di conseguenza sono nate vie alternative per mettere in contatto chi cerca e chi offre. Di seguito, una lista dei metodi più efficaci per trovare casa a Amsterdam.

  Gruppi Facebook

La prima risorsa sono i gruppi Facebook in cui vengono pubblicati gli annunci di stanze in affitto. Ce ne sono decine e decine, di seguito un elenco dei più popolati:

I gruppi Facebook sono molto utilizzati in Olanda (non solo per annunci immobiliari) e sono nati per contrastare gli elevati costi delle agenzie ed i servizi a pagamento che si trovano on-line. Iscrivendosi a questi gruppi si può trattare direttamente tra privati, con tutti i vantaggi e svantaggi che questo comporta. È importante ricordare che questi gruppi sono molto attivi e soprattutto nei periodi di picco come agosto – settembre bisogna saper cogliere l’attimo. Il consiglio è attivare le notifiche istantanee ed inviare un messaggio privato all’offerente nel minor tempo possibile, chiedendo quando sia possibile visitare la stanza. Alcuni annunci ricevono centinaia di risposte e spesso essere tra i primi a fare richiesta è ciò che fa la differenza.

I gruppi Facebook non sono, però, l’unica risorsa a disposizione. Per trovare una camera esistono altre vie, tra cui:

  Kamernet

Kamernet è un sito di annunci per l’affitto di camere. I proprietari di casa possono iscriversi gratuitamente e postare i loro annunci, mentre chi cerca casa deve pagare per poter rispondere agli annunci. Il sito è consultabile gratuitamente, ma solamente registrandosi con un profilo Premium (da 19€ per 15 giorni) sarà possibile scrivere a chi ha pubblicato l’annuncio. Oltre al profilo Premium è possibile aggiungere la funzione Early Bird, che permette di accedere agli annunci per primi per 2€. Attenzione: pagando per il profilo Premium si sottoscrive un abbonamento, che si rinnoverà automaticamente alla scadenza a meno che non ci si deregistri. Le opinioni su Kamernet variano, per me, quando sono arrivato ad Amsterdam, ha funzionato.

  Agenzia

Come in ogni altra città anche ad Amsterdam esistono le agenzie immobiliari. Possono facilitare la vita a chi non ha tempo di cercare, ma questo, ovviamente, ha un costo. Le agenzie chiedono spesso uno di deposito più l’equivalente di un mese per la commissione in anticipo (oltre al primo mese d’affitto). Spesso è richiesto anche di dimostrare di avere un lavoro e guadagnare oltre una certa soglia, che per chi è appena arrivato può essere difficile. Le agenzie più famose sono Pararius, Kamer Huren, Funda o Huisenzoeker, ma ce ne sono decine e decine.

  Gruppi Facebook di Italiani ad Amsterdam

Esistono diversi gruppi di italiani ad Amsterdam creati per ottenere informazioni, scambiare opinioni e conoscersi tra connazionali. Su questi gruppi di tanto in tanto appaiono anche annunci di camere in affitto o di persone che vorrebbero unire le forze per affittare appartamenti interi, quindi vale la pena tenerli d’occhio. Prima di postare richieste è opportuno farsi un giro su questi gruppi: è probabile che la tua domanda l’abbia già posta qualcun’altro in precedenza e le risposte siano già tra i commenti.

I gruppi di riferimento sono:

  Anti-squat

Seppure lo squatting sia stato dichiarato illegale in Olanda nel 2010, è una pratica ancora esistente, in quanto il processo burocratico per liberare una casa occupata non è mai immediato. Per questo esiste la possibilità di affittare case temporaneamente vuote in funzione di “guardiani” per evitare che vengano occupate durante l’assenza dei proprietari, a prezzi estremamente convenienti. Questo genere di abitazioni sono gestite da agenzie apposite e per avere accesso ad una di esse è necessario iscriversi ad una lista d’attesa. Se una casa si libera sarai chiamato quanto è il tuo turno e potrai trasferirti come “anti-squatter”. L’affitto per questo genere di abitazioni è molto basso, ma è bene notare che è adatto solo a coloro che sono pronti a spostarsi con poco preavviso. Si tratta infatti di residenze temporanee, dove può essere chiesto in ogni momento di lasciare l’immobile entro poche settimane.

I siti di riferimento sono due:

  Marktplatz

Il sito di annunci generici più grande d’Olanda, con una sezione specifica per le camere in affitto.

  Camere per Studenti

Gli studenti locali ed internazionali hanno accesso privilegiato ad un certo numero di camere a prezzi ridotti, ma anche per queste è necessario fare domanda in largo anticipo. Tutte le università aiutano i nuovi studenti dal momento dell’iscrizione ad orientarsi, altrimenti DUWO è l’organizzazione a cui è necessario appoggiarsi per fare domanda.

Quanto Costa Affittare una Stanza ad Amsterdam?

Il costo per un mese di affitto di una camera in appartamento condiviso ad Amsterdam può variare dai 400 ai 1.000 (e più) € al mese. Come in ogni grande città i costi variano moltissimo in base a molti fattori, ma ad Amsterdam in particolare alcuni dettagli possono fare la differenza.

La prima cosa da tenere in mente è se esiste o meno la possibilità di registrarsi e quindi ottenere il BSN. Per poter lavorare legalmente in Olanda è necessario registrare il proprio indirizzo di residenza in municipio, di modo da poter ottenere una forma di codice fiscale con cui pagare le tasse. Questo, purtroppo, non è possibile in tutte le case sul mercato, dato che il proprietario dell’immobile è tenuto a dichiarare a chi sta affittando le camere e pagare a sua volta una tassa per ogni persona che si registra all’indirizzo della sua proprietà. Vista l’alta richiesta, per molti landlord diventa quindi più semplice affittare a nero, magari ad un prezzo inferiore ma libero da tasse. Una casa in cui non è possibile registrarsi può essere una soluzione provvisoria per chi è appena arrivato, ma un indirizzo in cui si è legalmente residenti è necessario per chi ha intenzione di fermarsi in Olanda a lungo termine. La possibilità di registrazione è la prima cosa di cui tener conto.

Anche la posizione, ovviamente, incide sul prezzo. Amsterdam non è certo la più grande delle capitali europee, ma considerando che la bicicletta rimane il mezzo più utilizzato dai suoi residenti essere vicini al lavoro o al centro può valere una spesa in più (soprattutto durante i gelidi inverni). In generale, il primo fattore a creare una differenza di prezzo è se la casa si trova all’interno oppure all’esterno del Ring. Il Ring è la circonvallazione che racchiude il centro di Amsterdam ed i suoi quartieri più vicini, ed essere al suo interno significa trovarsi a non più di 15 – 20 minuti dal centro in bicicletta. Scegliere una stanza poco fuori da questo anello può essere un buon compromesso per risparmiare qualcosa senza essere troppo distanti dalla città.

Escludendo il centro storico i quartieri con i costi più alti sono quelli di Jordaan e De Pijp. Questi sono diventati negli ultimi anni i quartieri più alla moda di Amsterdam, con tanti locali, ristoranti, gallerie d’arte a punteggiare le strade, e di conseguenza i prezzi si sono alzati. In questi quartieri si può facilmente spendere oltre 800 € al mese per una camera. In altre zone una cifra realistica si aggira attorno ai 500/600 € al mese, anche se esistono sistemazioni a prezzi inferiori. Uscendo dalla città, a nord o magari a sud, verso Amstelveen (circa mezz’ora dal centro), è possibile trovare camere a prezzi inferiori.

La terza cosa da considerare è la dimensione delle camere. Essendo Amsterdam una grande città studentesca, c’è molta più offerta di camere singole che di camere doppie. Una coppia, quindi, avrà più difficoltà a trovare una stanza economica. Le camere singole, poi, possono essere veramente piccole, dagli 8 m2 in su. Le camere, inoltre, possono essere arredate oppure no, ma succede anche che una camera già arredata venga ceduta solamente a chi è pronto a comprare tutto ciò che si trova al suo interno. Purtroppo, vista la domanda così alta, durante la ricerca di una stanza in affitto ci si può trovare di fronte a qualsiasi tipo di condizione e sapendo che ci sarà sempre qualcuno disposto a pagare nella lunga fila di persone in cerca di una dimora, i landlord hanno molto più potere che altrove. In breve, la camera perfetta non esiste, si tratta solo di trovare il compromesso giusto.

Rispondi