A Map For Saturday – Una finestra sulla vita da backpacker
1 marzo 2012
Segnale stradale Australia
Cambiare Vita per un Anno: Working Holiday, l’Opportunità per Viaggiare Lavorando in Giro per il Mondo
31 maggio 2012
Show all

Perché Non Starsene a Casa? – Un Omaggio agli Scritti di Viaggio di Aldous Huxley

Scrittura di viaggio di Aldous Huxley

“Why not stay at home?”, “Perché non starsene a casa?”, mi chiede il titolo di uno dei testi contenuti in questa raccolta ingiallita di storie, scritti di viaggio, e poesie di Aldous Huxley, che ho appena acquistato all’Arty Bees Bookshop di Wellington.

Qui in Nuova Zelanda i libri nuovi costano un sacco. Anche quelli usati in realtà si fanno pagare spesso più di quanto valgono, e così, un cartello che segnalava il venti percento di sconto su tutto è bastato a convincermi a fare un giro tra gli strabordanti scaffali di una delle librerie dell’usato più grandi del Paese, portandomi ad acquistare un vecchio volume, che, se non altro, mi ha illuminato la giornata.

Dopo aver consumato le scarpe per superare lo scaffale dei thriller, e aver, a fatica, oltrepassato quello dei libri di cucina (sarà che è quello che gli manca, ma un po’ di azione e buon cibo sembra essere ciò di cui i neozelandesi si nutrono, figurativamente), arrivo alla sezione più generale della letteratura A-Z, dove tra un autore sconosciuto e l’altro, mi capita tra le mani una pubblicazione non troppo recente di Aldous Huxley. Huxley, conosciuto principalmente per i suoi saggi distopici e il consumo e promozione di sostanze psichedeliche, è stato in realtà anche un riconosciuto scrittore di viaggio che prima di passare a temi politici ha vissuto in Toscana e poi in America, viaggiando tra India, Pakistan, e Centro America, scrivendo saggi, racconti e guide più o meno pratiche. Quello che ho in mano è un estratto da Along the road, pubblicato nel 1925, che mai potrebbe essere così attuale.

“Ho visto visi più allegri ad un funerale che in Piazza San Marco. Solo quando si ritrovano insieme e pretendono, per un’ora a malapena, di essere a casa propria, questi turisti appaiono veramente felici. Viene da chiedersi che ci vengano a fare all’estero.”

Questa è la prima descrizione della gran parte dei turisti secondo lo scrittore inglese, che spiega come pochi in realtà siano i viaggiatori a cui piace viaggiare. Pochi sono coloro che lo fanno spinti da curiosità, per divertimento, per vedere cose diverse. Viaggiare, per molti, è come collezionare opere d’arte, lo si fa perché i migliori lo fanno, lo si fa perché poter dire di essere stati in determinati luoghi sul globo è socialmente considerato corretto, e chi può farlo è, in qualche modo, ritenuto superiore di chi se ne sta a casa.

Un po’ come quando si compra un disco e ci deve piacere per forza, viaggiare è diventato, oggi come ieri, più un pellegrinaggio per gli snob a quei luoghi così tanto glorificati, resi così importanti dagli stessi turisti per far sì che una volta tornati a casa ci si possa vantare di aver collezionato un’altra perla, da rendere quella superiorità rispetto a chi non ha viaggiato ancora maggiore. Prendiamo Roma o Firenze ad esempio, due delle mete turistiche più famose al mondo. Il gusto per l’arte non è universale, come è possibile quindi, che migliaia di persone ogni anno si mettano in marcia per visitare chiese, cattedrali, musei e gallerie senza annoiarsi, senza ammettere di non riuscire ad apprezzarle? La società ci pone in una posizione per cui essere appassionati all’arte significa essere persone migliori, e così, giorno dopo giorno, persone da ogni angolo del mondo indossano la maschera del finto interesse e si incamminano verso queste mete, per poter poi convincere, se stessi oppure altri, di sentirsi appagate, rimanendo però, vuote.

Il vero viaggiatore è ormai un animale raro, il vero viaggiatore è l’interessato alla vita, alle cose reali, e non ha bisogno di credere alle favole. È insaziabilmente curioso, ama le situazioni in cui non si trova a proprio agio solo per il gusto di provare qualcosa di non familiare e cerca piacere in qualsiasi manifestazione di bellezza. Anche i momenti di noia, che anche per chi viaggia arrivano spesso, vengono accettati dal viaggiatore più che visti come fastidio, vengono interpretati come un simbolo, come un premio per la propria, eccessiva, libertà. Il vizio del viaggio consuma le persone che vi trovano all’interno il vero piacere, consuma il tempo, i soldi, l’energia, il comfort e richiede sacrificio. Come per ogni altro vizio non si può supporre che questo conduca ad una vita di piacere continuo, che porti alla felicità senza effetti collaterali. Il viaggio infatti, pur non causando danno diretto alla salute, è un vizio mentale, che crea una dipendenza dalla quale diventa difficile uscire.

La persona viziata tenta sempre di trovare una giustificazione all’abuso dell’oggetto del suo vizio, e lo stesso vale per il vero viaggiatore, che spiega il suo comportamento dicendo che girare il mondo apre la mente, educa, fa pensare. Tutto ciò è falso, l’unica ragione per cui si viaggia è la ragione opposta, per allontanarsi il più possibile dai pensieri, per distrarsi. Il viaggiatore vero è colui che non riesce a trovare distrazione nelle abitudini, nello sport o nel bere, ma viaggia, viaggia senza riuscire a fermarsi mai.

Insomma voi perché viaggiate? È vero che si viaggia per raccontarlo, che si visitano i luoghi perché qualcuno ha deciso che sono dei “must”? Ma soprattutto, ha importanza?

3 Comments

  1. Gian ha detto:

    Mah, partendo dal fatto che ognuno di noi trova una ragione del proprio viaggiare, credo sia sempre sbagliato cercare una motivazione in generale.

    C'è chi scappa, chi cerca, chi si avvicina e chi si allontana. Non sono d'accordo con la seguente affermazione: "per allontanarsi il più possibile dai pensieri, per distrarsi".

    Io viaggio per la ragione stessa della parola; VIAGGIARE. Nulla più, nulla meno

    • Angelo Zinna ha detto:

      Alla fine chiedo "Ha importanza?" proprio con questo proposito. Credo che un motivo che ti spinga a viaggiare ci sia, altrimenti staresti a casa. La mia comunque era un interpretazione del saggio, che parla più di chi viaggia per apparire, per sentirsi soddisfatto, senza capire perché. Quindi insomma, un motivo è lecito.

      • Gian ha detto:

        Certo…Ognuno ha il suo per fortuna. Tu però scrivi: tutto ciò é falso, l'unica ragione del viaggio… L'unica per te forse, non per tutti… Per questo ti ho scritto..

        Ad ognuno la sua interpretazione…..

Rispondi